Introduzione alla sintesi modulare: Una guida per capire il loro funzionamento

La sintesi modulare è un modo emozionante e gratificante per creare suoni e musica unici e innovativi.

È una tecnologia che esiste da decenni, ma solo di recente è diventata più accessibile al produttore musicale medio. Vediamo come…

sintesi modulare

La sintesi modulare è un processo di creazione del suono attraverso la combinazione di singoli moduli, ognuno dei quali svolge un compito specifico.

Creando connessioni tra questi moduli, gli artisti possono creare suoni complessi in pochissimo tempo. Con un po’ di conoscenza e l’attrezzatura giusta, chiunque può imparare a usare la sintesi modulare e iniziare a creare i propri suoni unici.

Questa guida fornisce un’introduzione alla sintesi modulare e una comprensione di base del suo funzionamento.

Come funziona la sintesi modulare

La sintesi modulare funziona elaborando l’audio attraverso una catena di moduli interconnessi. Alcuni di questi moduli eseguono operazioni di elaborazione audio come filtri, delay o riverbero. Altri funzionano come oscillatori per creare nuovi suoni.

I vari moduli si collegano di solito tramite cavi patch. Queste connessioni indicano ai moduli il percorso del segnale, quali compiti eseguire, come eseguirli e quando terminarli.

Puoi creare nuovi suoni e musica combinando diversi moduli e cambiando le connessioni tra di essi.

Sebbene il processo di base della sintesi modulare rimanga lo stesso, il numero di suoni possibili è quasi illimitato. La sintesi modulare è simile alla programmazione informatica per molti aspetti. Entrambe richiedono che l’utente indichi ai moduli quali compiti specifici eseguire.

La sintesi modulare, tuttavia, si basa su un sistema hardware, quindi può essere più pratica e interattiva.

Con la sintesi modulare, gli utenti possono vedere, ascoltare e controllare fisicamente i moduli e le connessioni. In questo modo possono vedere come funziona il sistema e risolvere eventuali problemi.

I sistemi modulari variano per numero e tipo di moduli disponibili, ed è possibile aggiungere nuovi moduli in base alle proprie esigenze.

I sistemi con più moduli offrono una maggiore varietà di suoni e connessioni, rendendo più facile la creazione di suoni più complessi.

Storia dei synth modulari

moog modular sintesi modulare

L’idea alla base della sintesi modulare è stata originariamente concepita negli anni ’50 come un modo per creare musica utilizzando solo suoni registrati.

Questa idea fu chiamata “found sound” e gettò le basi per i successivi esperimenti con la tape music e la Musique concrète.

I primi sintetizzatori modulari apparvero solo alla metà e alla fine degli anni Sessanta, quando personaggi come Robert Moog, Don Buchla e Wendy Carlos iniziarono a incorporarli nelle loro composizioni.

Questo segnò l’inizio della prima generazione di sintetizzatori modulari.

La seconda generazione di sintetizzatori modulari è iniziata nei primi anni 2000, con la creazione del primo sintetizzatore modulare completamente patchabile, il Moog modular.

I sintetizzatori modulari sono diventati più popolari e accessibili nel 2010, quando sono diventati disponibili in commercio molti sistemi di alta qualità, a basso costo e facili da usare.

Come usare i sintetizzatori modulari

sintesi modulare synth

Il modo migliore per capire come funziona la sintesi modulare è provarla personalmente.

Inizia a collegare diversi moduli con i cavi patch e vedi cosa fanno. Una volta compreso il funzionamento di ciascun modulo, puoi iniziare a collegarli tra loro per creare nuovi suoni.

Prima di iniziare a collegare i moduli, è necessario tenere a mente alcune cose sull’ordine delle operazioni.

I sintetizzatori modulari sono generalmente sistemi controllati in tensione. Ciò significa che le connessioni tra i moduli si basano su livelli di tensione piuttosto che su segnali audio.

Si può pensare a una tensione come a un singolo valore che rappresenta un determinato parametro, come “tipo di filtro” o “quantità di pitch”.

I moduli sono solitamente dotati di controlli come manopole e interruttori che possono modificare questi livelli di tensione.

I sistemi modulari di solito iniziano con una sorgente di tensione, chiamata “primo oscillatore”. Il primo oscillatore controlla il resto del sistema inviando livelli di tensione, come la variazione di tensione per passare da un tipo di filtro all’altro.

Man mano che si aggiungono altri moduli al sistema, questi riceveranno tensioni dal primo oscillatore in base a come sono stati collegati.

La sintesi modulare con VCV Rack

vcv rack italiano sintesi modulare

VCV Rack è un sistema modulare facile da usare e sufficientemente potente per produrre musica di qualità professionale.

Si tratta di un sistema modulare virtuale che funziona con un’interfaccia software. Il vantaggio principale dell’uso di un sistema virtuale è che può essere utilizzato su qualsiasi computer con un’interfaccia software compatibile.

VCV Rack è scaricabile e utilizzabile gratuitamente da qui.

È dotato di un’ampia varietà di moduli che eseguono una vasta gamma di compiti, rendendo facile la creazione di suoni complessi.

VCV Rack utilizza anche il sistema di controllo del voltaggio descritto in precedenza. In questo modo è facile creare e modificare le connessioni tra i moduli.

Conclusione

I sintetizzatori modulari sono entusiasmanti e flessibili e consentono ai produttori di creare rapidamente suoni nuovi e unici.

Sono ideali per coloro che desiderano un approccio pratico al sound design, che amano sperimentare e creare nuovi suoni da zero.

Se sei interessato alla sintesi modulare, il modo migliore è quello di mettere le mani su un sintetizzatore modulare e iniziare a fare patch.

Se vuoi farlo in modo virtuale attraverso il tuo computer, dai un’occhiata ai nostri corsi di Sound Design e Produzione musicale.

Vuoi produrre i tuoi brani in modo professionale?

Scopri i nostri corsi su DAW, Produzione, Mix, Mastering e Sound Design:

 

corsi kina records

accedi

Seguici anche su Facebook!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *