Distorsione e saturazione per migliorare i tuoi brani

La distorsione è spesso considerata un elemento negativo per un segnale audio, e in alcuni casi lo è.

Quando si registra una sorgente audio ad esempio, avere microfoni e convertitori con una bassa distorsione ti permette di registrare audio con una qualità migliore.

Tuttavia non è sempre vero.

La distorsione e saturazione audio possono essere utilizzate per dare carattere alle nostre tracce e renderle più interessanti. 

Quando si usano strumentazioni analogiche professionali di alto livello, come i banchi di mixaggio analogici, le distorsioni vengono introdotte volontariamente in quanto particolarmente piacevoli.

Ogni hardware ha un suo “colore” o distorsione caratteristica che lo rende unico.

Se opportunamente sfruttata, questa permette di raggiungere risultati notevoli.

mixer analogico

In questo articolo ti spiegherò cos’è la distorsione e la saturazione, la differenza tra le due e alcuni tips and trick per utilizzarle al meglio.

Distorsione vs Saturazione

Per distorsione si intende qualsiasi modifica che un segnale audio subisce in una catena audio, cioè nel percorso che va da input a output.

Se il segnale in uscita è diverso dal segnale di ingresso, significa che è avvenuta una distorsione. 

Quando la distorsione modifica il contenuto armonico del segnale audio (o più semplicemente crea nuovi armonici), come nelle console analogiche, viene definita Distorsione Armonica.

La “quantità” di distorsione armonica introdotta da un processore audio è indicato con il valore THD (Total Harmonic Distortion). Minore è questo valore, e migliore sarà la fedeltà sonora dell’hardware in questione.

Nell’esempio che segue possiamo vedere la differenze tra lo spettro di una sinusoide a 1000Hz con un solo armonico e lo spettro della stressa sinusoide dopo essere stata distorta utilizzando Decapitator di Soundtoys.

Sinusoide non distorta

Sinusoide Distorta

La saturazione è un tipo di distorsione armonica. Questa viene generata quando il volume del segnale nella catena audio è superiore al volume massimo che un hardware può “sopportare”.

Di conseguenza l’hardware comincerà a comprimere il segnale in maniera aggressiva, diminuendo la dinamica e creando nuovi armonici. 

Ciò può avvenire sia nel dominio analogico che in quello digitale, ottenendo due risultati estremamente diversi.

La saturazione analogica è considerata molto più piacevole e migliore rispetto a quella digitale.

E’ per questo che molte software house hanno sviluppato plugin che emulano il comportamento dei circuiti analogici.

Tips and Tricks per distorcere il suono al meglio

Vediamo ora alcuni metodi per applicare la distorsione ai tuoi suoni in modo versatile e creativo.

1. Distorsione e saturazione in mandata

E’ il metodo più utilizzato e sicuramente più efficace.

Permette di gestire la distorsione in modo molto più efficace e preciso. Inoltre riuscirai ad evitare che i transienti del segnale vengano schiacciati eccessivamente dalla distorsione, lasciando il segnale originale invariato.

Ti basterà creare una mandata all’interno della tua DAW ed inserire il tuo distorsore preferito. Successivamente puoi inserire anche un’equalizzatore in modo da eliminare le armoniche che non desideri o che creano confusione all’interno del mix.

Infine miscelare il segnale distorto a con quello originale. 

Un’altro trick è quello di aggiungere un compressore all’interno della mandata per controllare ancora meglio la distorsione.

mandata effetti bus distorsore

2. Distorsione e saturazione in multi-banda

Alcuni plugin permettono di distorcere il segnale solo in alcune bande specifiche, e questo può essere molto utile per migliorare la separazione all’interno del mix. 

Ad esempio, se un Kick è poco presente all’interno di una traccia, puoi distorcere solo le frequenze alte. In questo modo enfatizzi il transiente senza intaccare le basse frequenze e senza alzare il volume della cassa.

Kick

Ciò può essere fatto anche sulle frequenze medie dello Snare e su tutti quei elementi che necessito di essere più protagonisti in una traccia.

3. Distorsione e saturazione in Mid/Side

La distorsione, aggiungendo armoniche, permette di far percepire un suono ad un volume maggiore nonostante quest’ultimo rimanga lo stesso.

Ciò grazie alla risposta in frequenza del nostro udito che spiego più nel dettaglio qui: “Loudness 10: tutto ciò che devi sapere sui livelli audio

Se applichi la distorsione solo nella parte Side di un segnale e ne aumenti quindi il volume percepito, riuscirai ad allargare l’immagine stereo.

Tuttavia, bisogna prestare sempre attenzione alla fase, ascoltando l’audio in mono per individuare eventuali controfasi o cancellazioni parziali.

mid side distorsion

4. Saturare il Master

Come ho detto in precedenza, saturando un segnale si controlla anche la sua dinamica. Ciò può essere utile in fase di mastering per comprimere il segnale in maniera molto naturale ad esempio utilizzando un’emulazione di un registratore a nastro.

Emulazione Regisratore a nastro

In questo modo, oltre ad aggiungere colore al brano, otterremmo una compressione leggera che permette di gestire meglio la dinamica prima del limiter finale.

Ovviamente puoi utilizzare anche altri tipi di saturazione come quella valvolare o di un preamplificatore a transistor.

Migliori plugin per la distorsione

Infine possono esserti utili alcuni miei consigli sui migliori plugin per la distorsione, che puoi acquistare per aggiungere colore alle tue tracce:

1. Plugin Alliance Black Box Analog Design HG-2

Semplicemente uno dei migliori distorsioni sul mercato al momento, permette di sfruttare tre circuiti diversi: Saturation, Pentode e Triode.

Dal sapore estremamente analogico e ultra versatile.

 

Distorsione e saturazione - Black Box

 2. Soundtoys Decapitator

Ancora più versatile rispetto al Black Box, Decapitator mette a disposizione ben cinque diverse emulazioni e quindi cinque diverse distorsioni.

Il suono? È Soundtoys, non bisogna aggiungere altro.

 

Distorsione e saturazione - Soundtoys Decapitator

3. Fabfilter Saturn 2

Qualità audio e grande versatilità contraddistinguono Saturn 2.

Oltre a moltissimi algoritmi di distorsione, quest’ultimo mette a disposizione LFO, Pad X/Y e molto altro per modificare il segnale a nostro piacimento.

Un’altro dei più famosi e premiati plugin di casa Fabfilter.

 

Distorsione e saturazione - Fabfilter Saturn 2

4. iZotope Trash 2

In ultimo, ma non per importanza, Trash 2 di iZotope.

Il plugin include oltre 60 diversi algoritmi di distorsione, oltre a emulazioni di speaker, amplificatori e cabinet per chitarra. È sicuramente il più completo di tutti, e con Trash 2 non avrai bisogno di nessun altro distorsore.

 

Distorsione e saturazione - iZotope Trash 2

Conclusioni

Applicare distorsione o saturazione ai singoli suoni o sul Master, può dare un tocco in più alle tue tracce.

Oltre ai metodi già visti, puoi inserire il distorsore anche in insert. Ma in questo caso dovrai fare attenzione a non esagerare.

Puoi sperimentare con tutte queste tecniche, perché grazie a questo strumento possono nascere piacevoli sorprese.

Metti in pratica questi accorgimenti e non potrai più fare a meno del distorsore.

 

Vuoi diventare un Produttore Discografico Professionista?

Scopri i nostri corsi su

DAW, Produzione, Mix, Mastering e Sound Design

corsi kina records

 

Unisciti alla Community di producer più grande d’Italia!

Entra in Kina Records

accedi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!