Phaser, Chorus e Flanger: cosa sono e come funzionano

Phaser, Chorus e Flanger: cosa sono e come funzionanoPhaser, Chorus e Flanger sono tra gli effetti più utilizzati sia per la produzione musicale che in fase di mixing.

In questo articolo ti parlerò di come funzionano questi strumenti e dei loro parametri.

Ciò che hanno in comune questi tre effetti è che sfruttano il delay e la fase del segnale per creare il loro suono caratteristico.

Sono effetti usati per decenni su molti strumenti, da chitarre a voci, synth e molto altro. Conoscere a fondo questi strumenti è importante, in quanto permette di usarli e sfruttali al meglio. 

All’interno di questo articolo troverai anche alcuni consigli sui plugin che secondo me sono più interessanti e che puoi utilizzare nei tuoi dischi.

Il Phaser

Nato negli anni 50, il Phaser prende il nome dal termine inglese “phase” ovvero fase. Quest’ultimo duplica il segnale in ingresso e lo ritarda di un’intervallo di tempo che varia da 20 a 30 millisecondi, creando degli sfasamenti di fase tra il segnale originale e quello duplicato.

Il tempo di ritardo non è fisso ma bensì viene modulato da uno o più LFO.

Di seguito puoi vedere nel dettaglio come il segnale viene processato da un phaser.

Phaser Signal Flow

Il Phaser per ritardare il suono, utilizza dei filtri all-pass, ovvero filtri che non agiscono su nessuna frequenza ma che ne alterano la fase creando un ritardo.

In questo modo l’effetto ottenuto sarà quello di un filtro a pettine o comb filter cioè un filtro con diversi notch in serie che provocano l’attenuazione di alcune bande di frequenza.

Il numero di notch è determinato dal numero di filtri all-pass utilizzati per ritardare i due segnali.

 

phaser Comb Filter

Il risultato sarà un’aumento della stereofonia e quel suono “metallico” tipico del phaser. 

Ora vediamo i parametri tipici di un phaser:

  • Rate: determina la velocità dell’LFO
  • Amount o Depth: determina l’ampiezza dell’LFO
  • Phase: modifica la fase dell’LFO
  • Shape: modifica la forma d’onda dell’LFO
  • Feedback: determina la quantità di segnale di output che rientra nel circuito
  • Dry/Wet: per modificare la quantità di segnale effettato
  • Feedback: determina la quantità di segnale di output che rientra nel circuito
  • Notches: il numero di notch o attenuazioni di bande di frequenza del comb filter

Plugin Phaser interessanti sono: MPhaserMB prodotto da MeldaProduction, Phase Motion 2 di AudioThing, e Fazortan 2 di D16 Group.

phaser Fazortan 2 D16Group

Il Chorus

Il nome Chorus  deriva dalla parola “Choir” cioè coro.

Lo scopo di questo effetto è ricreare il suono di un coro, in cui le voci non sono mai perfettamente sincronizzate.

Per fare ciò il chorus duplica il segnale su cui è applicato due o più volte e utilizza diversi delay in parallelo, uno per ogni segnale duplicato, per ritardare ciascun segnale di un intervallo di tempo che varia da 20 a 30 millisecondi. Anche nel chorus il delay time è modulato da diversi LFO.

Di seguito il signal flow di un classico chorus:

Chorus Signal FlowI parametri che trovi su tutti i chorus sono:

  • Delay time o offset: tempo di ritardo di ciascuno segnale
  • Cutoff: frequenza del filtro (di solito Hi Pass) per ogni segnale
  • Rate: determina la velocità dell’LFO
  • Amount o Depth: determina l’ampiezza dell’LFO
  • Phase: modifica la fase dell’LFO
  • Shape: modifica la forma d’onda dell’LFO
  • Vibrato: l’ampiezza del vibrato per ogni segnale, aiuta ad accentuare l’effetto “coro”
  • Feedback: determina la quantità di segnale di output che rientra nel circuito.
  • Dry/Wet: determina la quantità di segnale effettato.

Tra i plugin di Chorus meglio realizzati vi sono: Dimension D di Arturia, emulazione dello storico e ricercatissimo Dimension D prodotto dalla Roland, Syntorus 2 prodotto da D16 Group e TriceraChorus di Eventide.

Chorus Dimension D Arturia

Il Flanger

Il Flanger nasce negli anni 50 e deve il suo nome alla tecnica del flanging.

Quest’ultima consisteva nel registrare lo stesso segnale su due registratori a nastro, dopodiché uno dei due veniva rallentato agendo sulle flange, da cui il termine, del registratore. 

Il Flanger è pressoché identico al phaser, anch’esso duplica e ritarda il segnale in ingresso, ma anziché utilizzare dei filtri all-pass lo fa tramite dei semplici delay.

Inoltre l’intervallo di tempo di cui i canali vengono ritardati è minore, varia da 5 a 20 millisecondi.

Per questo motivo, all’interno dei comb filter generati dal flanger, a differenza del phaser, i notch sono sempre equi spaziati tra loro.

flanger phaser

 

Anche nel Flanger il delay time è modulato da un LFO di cui possiamo modificare i parametri.

Il signal flow del flanger è molto simile a quello del phaser:

Flanger Signal Flow

I parametri del Flanger sono dentici a quelli del Phaser.

Plugin Flanger interessanti sono: Instant Flanger MK II di Eventide, e MXR Flanger/Doubler di Universal Audio.

Instant Flanger Eventide

Conclusioni

Una volta capito come funzionano Phaser, Flanger e Chorus, diventa molto più semplice usarli correttamente nei propri dischi.

Nonostante la loro semplicità sia di funzionamento che di utilizzo, le loro potenzialità sono moltissime, e permettono di rendere interessante un suono in pochissimo tempo.

Ogni DAW ha la propria versione nativa, ma se cerchi qualcosa di più particolare ed efficace, puoi provare i plugin che ti ho consigliato e trovare quello che si adatta meglio alle tue tracce.

Ora non ti resta che provare ed esercitarti ad usare questi effetti!

 

Vuoi imparare a produrre musica in modo professionale?

Scopri i nostri corsi di Produzione:

Come produrre Musica Techno

Video Corso Techno con Ableton Live

accedi

Come produrre Musica Elettronica

come produrre musica elettronica

accedi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!